Passa al contenuto

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

SALDI PER LE FESTIVITÀ IN DIRETTA 🌻🐝

Hai bisogno di aiuto?

Uno studio rileva che la durata di vita delle api da miele è oggi più breve del 50% rispetto a 50 anni fa

Uno studio rileva che la durata di vita delle api da miele è oggi più breve del 50% rispetto a 50 anni fa

Washington [USA], 15 novembre (ANI): un nuovo studio condotto da entomologi dimostra che la durata di vita delle singole api mellifere allevate in un ambiente controllato di laboratorio è inferiore del 50% rispetto a quella degli anni Settanta.

Essendo il primo studio a mostrare un declino complessivo della durata di vita delle api da miele potenzialmente indipendente dai fattori di stress ambientale, questo lavoro suggerisce che la genetica potrebbe influenzare le tendenze più ampie di un più alto tasso di ricambio delle colonie osservate nel settore dell'apicoltura.

Il ricambio delle colonie è un fattore accettato nell'apicoltura, poiché le colonie di api invecchiano e muoiono naturalmente. Negli ultimi dieci anni, però, gli apicoltori statunitensi hanno registrato tassi di perdita elevati, il che ha comportato la necessità di sostituire un numero maggiore di colonie per mantenere la redditività dell'attività. Nel tentativo di capirne il motivo, i ricercatori si sono concentrati su fattori di stress ambientale, malattie, parassiti, esposizione ai pesticidi e alimentazione.

Questo è il primo studio che mostra un declino generale della durata di vita delle api da miele potenzialmente indipendente dai fattori di stress ambientale, lasciando intendere che la genetica potrebbe influenzare le tendenze più ampie osservate nel settore dell'apicoltura. Lo studio è stato pubblicato il 14 novembre 2022 sulla rivista Scientific Reports.

"Stiamo isolando le api dalla vita della colonia appena prima che emergano come adulti, quindi qualsiasi cosa stia riducendo la loro durata di vita sta accadendo prima di quel momento", ha detto Anthony Nearman, dottorando presso il Dipartimento di Entomologia e autore principale dello studio. "Questo introduce l'idea di una componente genetica. Se questa ipotesi è corretta, indica anche una possibile soluzione. Se riusciamo a isolare alcuni fattori genetici, forse possiamo allevare api da miele più longeve".

Nearman ha notato per la prima volta il declino della durata della vita mentre conduceva uno studio con il professore associato di entomologia Dennis van Engelsdorp sui protocolli standardizzati per l'allevamento delle api adulte in laboratorio. Replicando studi precedenti, i ricercatori hanno raccolto le pupe delle api da alveari di miele quando le pupe erano a meno di 24 ore dall'uscita dalle celle di cera in cui sono allevate. Le api raccolte hanno terminato la crescita in un'incubatrice e sono state poi tenute come adulti in gabbie speciali.

Nearman stava valutando l'effetto di integrare la dieta a base di acqua zuccherata delle api in gabbia con acqua semplice, per imitare meglio le condizioni naturali, quando ha notato che, indipendentemente dalla dieta, la durata di vita media delle sue api in gabbia era la metà di quella delle api in gabbia in esperimenti simili condotti negli anni Settanta. (17,7 giorni oggi contro 34,3 giorni negli anni '70). Ciò ha indotto a un esame più approfondito degli studi di laboratorio pubblicati negli ultimi 50 anni.

"Quando ho tracciato la durata della vita nel tempo, mi sono reso conto che c'è un enorme effetto temporale", ha detto Nearman. "I protocolli standardizzati per l'allevamento delle api da miele in laboratorio non sono stati formalizzati fino agli anni Duemila, quindi si potrebbe pensare che la durata della vita sia più lunga o invariata, perché stiamo migliorando, giusto? Invece, abbiamo assistito a un raddoppio del tasso di mortalità".

Sebbene l'ambiente di laboratorio sia molto diverso da quello di una colonia, i dati storici delle api allevate in laboratorio suggeriscono una durata di vita simile a quella delle api di colonia e gli scienziati generalmente partono dal presupposto che i fattori isolati che riducono la durata di vita in un ambiente la riducono anche in un altro. Studi precedenti avevano anche dimostrato che, nel mondo reale, a una durata di vita più breve delle api mellifere corrispondeva un minor tempo di foraggiamento e una minore produzione di miele. Questo è il primo studio a collegare questi fattori ai tassi di ricambio delle colonie.

Quando l'équipe ha modellato l'effetto di una riduzione del 50% della durata di vita su un'attività apistica, in cui le colonie perse vengono sostituite annualmente, i tassi di perdita risultanti sono stati di circa il 33%. Questo dato è molto simile ai tassi medi di perdita invernale e annuale del 30% e del 40% riportati dagli apicoltori negli ultimi 14 anni.

Nearman e vanEngelsdorp hanno osservato che le api conservate in laboratorio potrebbero essere soggette a una sorta di contaminazione virale di basso livello o all'esposizione a pesticidi durante la fase larvale, quando covano nell'alveare e le api operaie le nutrono. Ma le api non hanno mostrato sintomi evidenti di queste esposizioni e una componente genetica della longevità è stata dimostrata in altri insetti come i moscerini della frutta.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI