Passa al contenuto

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

SALDI PER LE FESTIVITÀ IN DIRETTA 🌻🐝

Hai bisogno di aiuto?

Perché è così difficile allevare api migliori?

Perché è così difficile allevare api migliori?

Gli allevatori possono produrre regine eccellenti con caratteristiche utili. Il vero problema è sul campo, dove i tratti scompaiono rapidamente nell'enorme numero di api da miele.

Chi è alle prime armi con l'apicoltura si chiede spesso perché non ci si limiti ad allevare api migliori. È una domanda logica, perché l'allevamento è da tempo la risposta a molti problemi agricoli. Quando parlo di "allevamento", non mi riferisco alle moderne tecniche di inserimento dei geni che ci permettono di allevare gatti fosforescenti, ma al vecchio tipo di allevamento in cui si incrociano individui selezionati a mano per amplificarne i tratti migliori.

Questo metodo tradizionale ha prodotto piante e animali più grandi, più grassi, più resistenti alle malattie e più produttivi, che sono la spina dorsale dell'agricoltura moderna. Nel corso degli anni, ci ha dato più latte, ciliegie più grandi, mele più dolci, pomodori resistenti alla peronospora, narcisi rosa e cani senza pelo.

Naturalmente, ciò che si fa di proposito, si può fare anche per caso. Inavvertitamente, abbiamo creato una serie di organismi indesiderati utilizzando tecniche simili. Lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA) e altri agenti patogeni simili sono nati perché abbiamo ucciso la maggior parte degli individui, ma non tutti. Quelli che sono sopravvissuti erano i più forti, meglio adattati e in grado di persistere nonostante gli antibiotici. Abbiamo selezionato i più forti eliminando i più deboli, lo stesso principio di selezione che opera al contrario. Più vicino a noi, abbiamo allevato acari della varroa che sono resistenti a quasi tutto.

Perché non alleviamo api migliori?

Perché non alleviamo api migliori? La risposta è semplice: lo abbiamo già fatto. Gli allevatori sono riusciti a compiere ogni genere di meraviglia con le api da miele. Hanno creato api delicate, api che svernano bene, api che aumentano la produzione di miele e persino api che resistono all'acaro varroa. Il problema non è la riproduzione.

Il problema delle api da miele si presenta dopo che le regine lasciano

l'allevatore. Le caratteristiche che le regine di api mellifere hanno acquisito in programmi di allevamento accuratamente controllati scompaiono ben presto quando le figlie di queste regine si accoppiano con esemplari liberi. Nel giro di una o due generazioni, i discendenti di queste super api si ritrovano al punto di partenza. La domanda è: "Perché questo continua ad accadere?".

Gli ostacoli al mantenimento di migliori popolazioni di api
Ci sono tre ostacoli principali al mantenimento di popolazioni ben allevate: aplodiploidia, poliandria e panmixia, oltre ad alcune altre complicazioni minori. Anche se queste parole possono sembrare intimidatorie, non preoccupatevi. Basta allacciare la cintura di sicurezza e in poco tempo diventerete esperti di tutte e tre le categorie. Preparatevi a stupire i vostri amici alla prossima cena.

Aplodiploidia

Come tutti gli altri membri dell'ordine degli Imenotteri - tra cui formiche, vespe e mosche - le api da miele sono aploidi. L'aploidia significa che alcuni individui sono diploidi, con due serie di cromosomi, mentre altri sono aploidi, con una sola serie di cromosomi. Se la vostra conoscenza della genetica è limitata, vi basti sapere che l'aploidia non funziona come la semplice genetica mendeliana che avete imparato al liceo. Io, per esempio, pensavo di essere un genio della genetica dopo aver risolto la griglia dominante/recessiva dei piselli, ma nella vita reale le cose non sono così semplici.

L'aplodiploidia rende più difficile l'allevamento di api migliori e ha conseguenze sorprendenti. Nelle api mellifere, i fuchi sono prodotti da uova non fecondate, il che significa che ogni fuco ha solo una serie di cromosomi, mentre le femmine, sia operaie che regine, ne hanno due. Nella maggior parte degli animali diversi dagli imenotteri, tutti gli individui hanno due serie complete di cromosomi. Inoltre, l'aplodiploidia dà luogo ad assiomi inspiegabili, come il fatto che un fuco ha un nonno ma non un padre e può avere nipoti ma non figli.

Ma la cosa si fa ancora più strana. Quello che non viene insegnato in Apicoltura 101 è che alcune uova fecondate diventano fuchi diploidi, cioè fuchi con due serie di cromosomi. Questo accade perché ciò che determina il sesso non è la presenza o l'assenza di fecondazione, ma la presenza o l'assenza di alleli eterozigoti nel locus del sesso. Non cliccate ancora: potete farlo.

Il destino dei droni diploidi

I fuchi diploidi non sopravvivono. Nelle colonie di insetti sociali come le api da miele, le operaie mangiano o distruggono i fuchi diploidi subito dopo la schiusa delle uova. Poiché vengono distrutti precocemente, la presenza di molti fuchi diploidi in una colonia dà luogo a "covata sparata" o "covata sparsa": favi di covata che presentano molti vuoti o covata di età diverse intercalata. In alcune api solitarie, il maschio diploide può morire nella cella, oppure può emergere e maturare ma essere sterile.

La tabella seguente mostra cosa accade quando una regina di api mellifere (con due alleli diversi dello stesso gene) si accoppia con cinque fuchi diversi, ciascuno con un allele. In questo caso, due dei fuchi hanno l'allele B e gli altri hanno alleli diversi.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI