Passa al contenuto

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

SALDI ESTIVI: 50% DI SCONTO + CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA

Hai bisogno di aiuto?

La Storia Dell'apicoltura

La Storia Dell'apicoltura

Quando è iniziato tutto


Quando è iniziata l'apicoltura? Una cosa che sappiamo è che le api esistono da molto tempo, probabilmente da 110-140 milioni di anni.

La più antica testimonianza della raccolta del miele risale a 15.000 anni fa. Il dipinto, trovato sulla parete di una grotta in Spagna, mostra una persona che si arrampica su un albero, tenendo un cesto e rubando il miele dalle api.

Cercatore di miele raffigurato su una pittura rupestre di 8.000 anni fa vicino a Valencia, Spagna

Un'altra antica documentazione è stata trovata nell'Antico Egitto. La più antica forma di apicoltura, in cui le arnie erano tenute allo scopo di raccogliere il miele, ebbe luogo almeno 5.000 anni fa. Una caratteristica importante della raccolta del miele in Egitto era la capacità degli apicoltori di installare un apiario di fango su zattere e barche. In realtà, era il prototipo della moderna apicoltura nomade. È noto che gli antichi apicoltori egiziani erano già ben consapevoli delle proprietà benefiche non solo del miele e della cera, ma anche della propoli. La popolarità dell'ape nella Valle del Nilo era immensa. L'emblema di questo insetto era usato dai faraoni nel loro abbigliamento. Dall'Egitto, la pratica dell'apicoltura si diffuse in altri paesi del mondo antico: Babilonia, Assiria, Palestina e l'isola di Creta.

Agli egiziani sono attribuiti i primi tentativi di addomesticare le api e gli alveari, costruendo arnie "naturali" da alberi cavi e tronchi per imitare la natura delle api nella costruzione degli alveari. Impararono le tecniche di apicoltura e spostarono i loro alveari per seguire il clima caldo.

Alveari di fango egiziani

Oltre il miele


Purtroppo, per migliaia di anni le api sono state trattate come un raccolto annuale. Gli europei medievali, per esempio, tenevano un pezzo di zolfo in fiamme all'entrata finché tutte le api non soffocavano, poi le scuotevano e raccoglievano il miele.

L'apicoltura rurale nel XVI secolo

A metà del 1700 fu osservato che le api erano buoni impollinatori. Le api furono utilizzate per la prima volta attivamente per migliorare l'impollinazione delle colture in Nuova Zelanda nel XIX secolo, e tutto aveva a che fare con l'evoluzione reciproca delle api con i fiori. A cavallo del 20° secolo, gli apicoltori americani cominciarono a usare gli alveari come impollinatori, piuttosto che come soli produttori di miele.

Nel 1770, il libro "A Treatise on the Management of Bees", fu scritto dall'inglese Thomas Wildman. Nel suo libro, Wildman ha fornito i piani per un alveare che impedisce l'uccisione delle api. Questo stile di arnia è abbastanza simile a quello che è popolare oggi. Wildman sviluppò anche dei telai appesi che fornivano una struttura per le api per depositare il miele.

Nel 1851, Lorenzo Lorraine Langstroth, "il padre dell'apicoltura americana", migliorò il progetto di Thomas Wildman.

Un altro grande sviluppo iniziò nel 1863 quando a Charles Dadant, un apicoltore per hobby nella Francia orientale, fu offerto un lavoro di coltivazione di uva e di allevamento di api in America con un vecchio amico. Lavorando con le scatole impilate che Langstroth aveva reso popolari, si rese conto che semplicemente rendendo una delle scatole più grande, un apicoltore poteva aumentare notevolmente la produzione.

L'apicoltura oggi


Oggi, l'ape occidentale è presente in tutti i continenti tranne l'Antartide. La sua gestione è praticata da apicoltori a tutti i livelli, dagli hobbisti da giardino agli operatori commerciali con decine di migliaia di colonie.

Nonostante i molti e drammatici cambiamenti che hanno avuto luogo nel corso della storia dell'apicoltura, l'apicoltura oggi non è molto diversa da quella di una volta. L'apicoltura può essere praticata ovunque si possa praticare il giardinaggio, dove ci siano piante da fiore e dove sia possibile un certo isolamento dal bestiame, dagli animali domestici e dal traffico umano.

L'India ha il maggior numero di alveari, per un totale di circa 12,25 milioni, seguita dalla Cina con circa nove milioni. Ci sono 4 milioni di colonie d'api sul territorio degli Stati Uniti. Un tipico alveare nel può produrre da 10 a 200 libbre di miele in un anno. Le principali piante mellifere negli Stati Uniti sono trifoglio, erba medica, colza, agrumi e grano saraceno.

Le api sono chiaramente parti vitali del nostro ecosistema, agendo come efficientissimi impollinatori delle nostre colture alimentari e della flora selvatica. Abbiamo bisogno delle api perché impollinano un terzo del nostro cibo!
Un boccone su tre che ti metti in bocca è stato impollinato dalle api.

Una parte di ogni acquisto al Salva Le Api viene donata alla Pollinator Partnership e ad altre organizzazioni non-profit che aiutano a salvare le colonie di api in tutto il mondo.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI