Passa al contenuto

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

SALDI PER LE FESTIVITÀ IN DIRETTA 🌻🐝

Hai bisogno di aiuto?

Imparare ad amare i nomi scientifici delle api

Imparare ad amare i nomi scientifici delle api

Anche se all'inizio possono sembrare sconvenienti, i nomi scientifici delle api possono dirci molto sull'ape e sulle sue parentele.

Da preadolescente con una passione per i misteri di Nancy Drew, ho sviluppato un gusto per i messaggi nascosti. Li vedevo ovunque, scritti nelle nuvole gonfie o nelle gocce di pioggia che scendevano dal parabrezza. Ma i nomi delle specie binomiali erano i miei preferiti, pieni di segreti. Non riuscivo a capire perché alla gente non piacessero questi appellativi dal suono pomposo. Dopo tutto, chi non ama un buon indizio?

Un botanico svedese di nome Carolus Linnaeus ideò il sistema di nomenclatura binomiale nel 1758. Linneo (noto anche come Karl von Linné) si rese conto che era necessario un sistema di denominazione che permettesse agli scienziati di tutto il mondo di accordarsi sull'organismo di cui stavano parlando. L'uso di nomi comuni era troppo confuso perché i nomi cambiavano a seconda del tempo, del luogo, della lingua e della cultura. Egli cercò una base comune universale.

Chiamiamo questi nomi "latini" perché si basano su forme grammaticali latine, ma tradizionalmente sono una combinazione di latino e greco. Ultimamente, tuttavia, vediamo nomi che suonano più moderni. Il nostro nemico comune, Varroa destructor, ne è un buon esempio. Sebbene "destructor" abbia un suono moderno, in realtà deriva dalla parola latina "destruere" che significa "decostruire". Ebbene, gli acari della varroa distruggono ogni anno innumerevoli colonie di api da miele.

Più di un semplice nome
Oltre a fornire un nome, il sistema di Linneo organizza gli organismi viventi in quella che riteniamo essere la loro discendenza, dimostrando chi è imparentato con chi. Osserviamo più da vicino l'Apis mellifera.

Di seguito è riportata la classificazione scientifica dell'ape mellifera occidentale secondo l'Integrated Taxonomic Information System:

  • Regno: Animalia
  • Sottoregno: Bilateria
  • Infraregno: Prostomia
  • Superphylum: Ecdysozoa
  • Phylum: Arthropoda
  • Subphylum: Hexapoda
  • Classe: Insecta
  • Sottoclasse: Pterygota
  • Infraclasse: Neoptera
  • Superordine: Olometaboli
  • Ordine: Imenotteri
  • Sottordine: Apocrita
  • Infraordine: Aculeata
  • Superfamiglia: Apoidea
  • Famiglia: Apidae
  • Sottofamiglia: Apinae
  • Tribù: Apini
  • Genere: Apis

In alcune parti del mondo si possono trovare delle sottospecie. Ne sono un esempio:

  • A.m. carnica
  • A.m. caucasia
  • A.m. ligustica
  • A.m. mellifera
  • A.m. capensis
  • A.m. scutellata

Si noti la superfamiglia Apoidea. Contiene vespe apoidi, vespe sfecoidi e api. Questo è l'ultimo posto in cui le api e alcune vespe compaiono in un'unica classificazione, a dimostrazione della loro stretta parentela. In altre parole, un nome scientifico non è solo un nome, ma un metodo per spiegare la parentela.

Quando Linneo scrisse il suo libro, Systema Naturae, esistevano solo due regni. Poiché ogni cosa era una pianta o un animale, decidere come classificare qualcosa poteva essere complicato. Le piante sono più strettamente imparentate con altre piante che con gli animali, e questi ultimi sono più strettamente imparentati con alcune piante che con altre. Quindi, quando si scopriva una nuova pianta, la si inseriva semplicemente nel posto migliore.

Questo funzionava fino a quando non si trovava qualcosa come un fungo, un microsporide, un batterio o persino una semplice euglena che può mangiare e nuotare come un animale e produrre cibo come una pianta. Generazioni di scienziati sono state costrette a scegliere un regno anche quando nessuno dei due era del tutto corretto. Anche se Linneo sarebbe probabilmente scioccato, oggi abbiamo cinque regni, il che rende la classificazione un po' più semplice.

Il sistema binomiale di base

Il sistema di denominazione di base prevede alcune regole di facile utilizzo.

  • Le classificazioni di ordine superiore sono scritte in testo normale, ma il genere, la specie e l'eventuale sottogenere sono scritti in corsivo, come in Apis mellifera mellifera, l'ape nera europea. I nomi scritti a mano devono essere sottolineati.
  • Il nome del genere (il sostantivo) è sempre maiuscolo e il nome della specie (l'aggettivo) non è maiuscolo, quindi Bombus ternarious, il bombo tricolore.
  • Dopo il primo utilizzo del nome del genere in un articolo, il genere può essere abbreviato. Ad esempio, A. mellifera, V. destructor o G. mellonella (la falena della cera maggiore). Oppure, come mostrato sopra, si possono abbreviare sia il nome del genere che quello della specie. Attenzione, però. Se si scrive di Andrena prunorum e Apis mellifera nello stesso articolo, non si dovrebbe abbreviare il genere a meno che il riferimento non sia chiaro.
  • A volte il nome specifico è seguito dal nome dell'autore, come Apis mellifera Linneaus o Apis cerana Fabricius.

 

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI