Passa al contenuto

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

GIOIELLI CON UNO SCOPO PROFONDO 🎁⚡

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

MEGA VENDITA DI NATALE: 50 SCONTI + Spedizione Espressa Gratuita in 24-48 ore.

SPENDERE DI PIÙ, RISPARMIARE DI PIÙ 🎁

Hai bisogno di aiuto?

I segreti delle api: cosa succede quando le api producono il miele?

I segreti delle api: cosa succede quando le api producono il miele?

Il processo di raccolta del nettare e della sua trasformazione in miele è sorprendentemente complesso, ma le api mellifere sono state programmate per farlo in modo rapido ed efficiente.

Il miele è una vera e propria magia

Sembra una magia, vero? Le piccole api del miele, lunghe poco più di mezzo centimetro, raccolgono il nettare dai mazzi di fiori. Poi portano a casa il nettare e lo trasformano in una delle sostanze più dolci della terra. Ma fermatevi e assaggiate voi stessi un po' di quel nettare. Siete sconcertati? Certo! La maggior parte del nettare non ha alcun sapore.

Per certi versi, si potrebbe paragonare la produzione del miele a quella dello sciroppo d'acero. Si raccolgono grandi quantità di linfa acquosa e poi si spende molto tempo ed energia per rimuovere la maggior parte dell'acqua. Ma il paragone si ferma qui, perché allo sciroppo d'acero non si aggiungono enzimi.

Quali api producono il miele?

La produzione di miele è davvero mistica e poche creature sono in grado di farlo. Solo una manciata di specie, per lo più api mellifere, api senza pungiglione e alcune formiche dei vasi di miele, producono una quantità di miele sufficiente per l'alimentazione umana. I bombi ne producono una piccola quantità per la regina e una manciata di specie di vespe immagazzinano abbastanza nettare per le emergenze.

Le api solitarie, come le api carpentiere e le api minatrici, non svernano in gruppo. Trascorrono invece i mesi freddi come uova, pupe o adulti inattivi, a seconda della specie. Questi insetti immagazzinano pochissimo cibo per l'inverno, se non addirittura nulla.

Perché le api producono il miele?

Le api si nutrono di miele per ricavarne energia. Poiché vivono in gruppi numerosi che rimangono attivi in inverno, hanno un enorme bisogno di cibo. Devono tenere al caldo la nursery, allevare i piccoli, andare a caccia di cibo, difendere l'alveare, costruire il favo e tenere la casa libera da cadaveri. Con così tante cose da fare, hanno bisogno di una scorta di cibo ad alta energia per andare avanti.

Gli insetti sociali che vivono in gruppo hanno maggiori probabilità di immagazzinare cibo extra. Le altre famose produttrici di miele, le api senza pungiglione, fanno praticamente la stessa cosa delle api da miele. I bombi sono insetti sociali, ma non svernano in colonia, quindi il loro fabbisogno energetico è molto più ridotto.

Anche le api mellifere immagazzinano grandi quantità di polline. A differenza del nettare, però, il polline è ricco di proteine e grassi che vengono utilizzati per allevare i piccoli. Le api nutrici che nutrono le larve mangiano il polline in modo da poter secernere il cibo per nutrirle. Ad eccezione delle api nutrici, le api adulte non mangiano altro che miele.

Cinque fasi principali per la produzione di miele dal nettare

La produzione di miele è un processo a più fasi che richiede pianificazione ed energia. Un elenco delle cose da fare passo dopo passo per chi lavora con le api da miele potrebbe essere simile a questo:

Alla ricerca di fiori con nettare

Api operaie anziane nell'ultima fase della loro vita raccolgono il nettare. Il foraggiamento è la parte più pericolosa della vita delle api, perché le bottinatrici incontrano molti pericoli.

Alcune bottinatrici sono esploratrici, con il compito di trovare buone macchie di fiori che secernono molto nettare ad alto contenuto di zucchero. Quando trovano una buona zona, tornano all'alveare e ne comunicano la posizione alle bottinatrici che andranno a raccogliere il nettare.

Raccolta e trasporto del nettare

Una volta raggiunta la zona consigliata, le bottinatrici passano di fiore in fiore fino a fare il pieno. Il nettare si trova spesso in una piccola pozza alla base dei petali. Le api mellifere usano la loro lingua multiforme come una cannuccia, aspirando il liquido dolce dalla pozza.

Le api ingoiano il nettare nel loro stomaco del miele, una sacca separata dallo stomaco digerente. Lo stomaco del miele è estremamente elastico e si espande per contenere un grosso carico, almeno per gli standard delle api. Quando lo stomaco del miele non ne può più, le bottinatrici tornano a casa per scaricare il loro tesoro.

Aggiunta di enzimi che invertono lo zucchero

Prima ho detto che alcune fasi della produzione del miele si sovrappongono. Ecco un buon esempio. Non appena le api raccolgono il nettare, vi aggiungono degli enzimi. Alcuni di questi si trovano nella saliva e altri nello stomaco del miele.

Si verificano diversi cambiamenti. In particolare, gli enzimi spezzano gli zuccheri complessi in zuccheri più semplici. Ad esempio, gli enzimi separano il saccarosio in glucosio e fruttosio. Questo processo si chiama inversione e avviene quasi istantaneamente. Quindi, mentre le api stanno ancora raccogliendo il nettare, inizia la conversione in miele.

Evaporare tutta l'acqua in più

Proprio come nello sciroppo d'acero, l'evaporazione di tutta l'acqua è la parte difficile. Sebbene la quantità di zucchero nel nettare sia variabile, si tratta all'incirca del 20% di zucchero e dell'80% di acqua. Il miele è l'opposto: ha circa l'80% di zucchero e il 20% di acqua. Eliminare tutta l'acqua è un lavoro impegnativo.

Questa fase si sovrappone ad altre. Le bottinatrici eliminano parte dell'acqua mentre si trova nello stomaco del miele. Una volta nell'alveare, il nettare passa di ape in ape. Durante questo processo, vengono aggiunti altri enzimi e viene eliminata altra acqua. Il nettare sulla lingua delle api ha un'elevata superficie che favorisce l'evaporazione, quindi più viene fatto girare e più acqua perde.

Infine, quando il nettare è abbastanza denso, le api lo mettono nelle celle del miele aperte. Le api domestiche battono le ali per creare correnti d'aria che aiutano ad asciugare ulteriormente il miele. Il miele è supersaturo, il che significa che contiene più zucchero di quanto sarebbe normalmente possibile senza l'aiuto degli enzimi delle api.

Conservare il miele per il futuro

Quando il miele è sufficientemente asciutto, le api domestiche tappano le celle per evitare che il miele raccolga umidità dall'aria. I tappi mantengono inoltre il miele pulito e privo di muffe. Le api possono camminare su tutto il favo senza temere di danneggiare il miele.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI