Passa al contenuto

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

SALDI PER LE FESTIVITÀ IN DIRETTA 🌻🐝

Hai bisogno di aiuto?

Due miti sull'impollinazione a cui non credere

Due miti sull'impollinazione a cui non credere

È difficile conoscere la verità su qualsiasi cosa. Quando è nato Internet, abbiamo immaginato un accesso illimitato a un mondo di informazioni. La diffusione della conoscenza sarebbe stata illimitata, permettendo a ciascuno di noi di leggere e considerare più punti di vista prima di trarre le proprie conclusioni basate sui fatti. Sembra un paradiso.

Un tempo era la pubblicità a influenzare le nostre opinioni. La pubblicità sulla carta stampata, alla radio e in televisione poteva convincerci a comprare, o a comprare, praticamente qualsiasi cosa. I pubblicitari hanno imparato a fare appello alle nostre emozioni e lo hanno fatto bene. Chi acquistava un'auto, un liquore, un trucco o delle scarpe della loro marca diventava più sexy, più bello, più felice o più ricco di chi non lo faceva. In breve tempo, commercianti e politici benestanti controllavano le nostre decisioni di acquisto quotidiane.

Certo, dobbiamo ancora fare i conti con le infinite vendite e gli inserzionisti possono ancora comprarci. Ma ora i social media influenzano l'opinione pubblica. Nel nostro mondo moderno, i social influencer e i loro follower ci dicono come pensare e molti di noi li ascoltano.

Quando le persone ripetono più volte un'affermazione, questa assume le sembianze di un fatto. Ma la ripetizione incessante non crea verità, né lo fanno milioni di follower. Crediamo che il cambiamento climatico esista - o meno - per quello che ha detto il nostro attore cinematografico preferito? O di un deputato? Quali sono le loro credenziali?

Non tutti i terzi sono uguali

Purtroppo gli apicoltori non sono immuni dai social media. Quindici anni fa, prima di iniziare a scrivere di api, leggevo voracemente. Come agronomo, avevo già un'idea abbastanza precisa dell'intero processo di impollinazione, ma volevo conoscerne le sfumature.

Non ci volle molto per notare che quasi tutti gli articoli che leggevo sulle api o sugli impollinatori - sia quelli di divulgazione che quelli con revisione paritaria - iniziavano con l'affermazione che le api sono responsabili della produzione di un terzo di tutto il cibo che mangiamo. All'inizio andava bene, ma se si leggono un centinaio di articoli e 93 iniziano dicendo la stessa cosa, la cosa diventa sospetta. Mi sono chiesto se fosse la mancanza di creatività o di fatti a generare questa retorica. O forse solo pigrizia.

A un certo punto, ho deciso di smettere di leggere nel momento in cui sono arrivato a questa affermazione. Ho anche iniziato diversi libri che ho messo giù dopo la prima pagina. È stato un esperimento scoraggiante, perché ben presto non ho avuto nulla da leggere.

La dichiarazione sezionata

Ho scartato la dichiarazione perché non aveva senso. Non spiegava nulla all'epoca e non lo fa tuttora. Diamo un'altra occhiata: "Le api sono responsabili di un terzo di tutto il cibo che mangiamo".

Per prima cosa mi sono chiesto cosa intendessero per api. Intendevano solo le api da miele? Intendevano tutte le api? O forse intendevano tutti gli impollinatori? Se si cerca di risalire all'origine di questa affermazione, sembra più probabile che si riferisca a tutti gli impollinatori animali, cosa ben diversa dalle sole api da miele1.

Poi c'è la questione di un terzo. Non si può dire un terzo senza definire cosa si sta misurando, perché tutti i terzi in questo contesto sono diversi e non uguali tra loro. Intendevano un terzo in peso? Un terzo per volume? ("Un boccone su tre" suona come un volume, vero?) O intendevano un terzo delle nostre calorie o un terzo del nostro fabbisogno nutrizionale? Un'altra possibilità è semplicemente un conteggio delle colture alimentari, come in "Uno su tre delle colture che mangiamo" o anche una stima del valore monetario, come in "Uno su tre dollari che spendiamo in cibo". Qualcuno può spiegare?

And lastly are the people they refer to in the statement, the “we.” What we? Human societies have wildly different diets, some of which are largely pollinated by insects and others not so much. Does the one-third claim pertain to all people or just some? Did someone derive a massive formula to arrive at a global average? I doubt it. The entire statement is maddeningly meaningless and amounts to nothing more than hype.

Wanna write a book about bees that’s original and refreshing? Simply delete the entire one-third thing and skip to something based on fact. Your credibility will soar.

I coloni e le loro api

A proposito di miti dell'impollinazione, vi siete mai chiesti perché i coloni portarono le api da miele nel Nuovo Mondo? Comunemente si citano tre ragioni, ma la storia ne sostiene solo due. La terza è una sciocchezza.

La maggior parte dei riferimenti ci dice che le api da miele arrivarono nella Jamestown coloniale all'inizio del 1600. I documenti mostrano che sono stati fatti diversi tentativi per portare le api nella colonia nascente. Il primo, nel 1609, non ebbe successo perché la nave fu spazzata via dalla rotta e sbarcò alle Bermuda.2 Successivamente, una spedizione di successo fu inviata dalla Virginia Company di Londra e sbarcò nel 1622 dopo mesi di navigazione. Le api prosperarono nonostante il passaggio difficile. Quando un'altra spedizione sbarcò nel 1638, le api mellifere erano ormai ben radicate nelle colonie costiere del medio Atlantico.3

Da ciò che sappiamo della storia, ai coloni furono fornite le api da miele in modo da avere una fonte rinnovabile di miele e cera d'api, "dolcezza e luce" come ha elegantemente affermato lo scrittore Jonathan Swift.4 Ciò non sorprende. I coloni sapevano poco della loro destinazione, quindi si sono equipaggiati con le cose che più probabilmente li avrebbero aiutati a sopravvivere.

Senza altre fonti di luce, le candele sarebbero state essenziali nei lunghi e tetri inverni che ci aspettavano. Naturalmente, nel Nuovo Mondo erano disponibili altre potenziali fonti di luce, come l'olio di balena, ma non sapevano quanto sarebbero state abbondanti le balene. Inoltre, le loro poche e preziose imbarcazioni non erano state progettate per la caccia alle balene, ma per il trasporto su lunghe distanze. E con così poche persone nel loro piccolo insediamento, sarebbe stato rischioso inviare uomini in acque infide più spesso del necessario.

I dolcificanti si potevano trovare anche nel Nuovo Mondo, se si sapeva dove cercare. Ma la colonia di Jamestown era troppo a nord per la canna da zucchero e troppo a sud per gli aceri da zucchero. Anche se i coloni erano a conoscenza di fonti alternative, non avevano il tempo o la forza lavoro per fare altro che piantare colture essenziali, cacciare, costruire rifugi e sperare per il meglio. Tuttavia, una scorta di zucchero era necessaria per conservare il cibo per i mesi invernali. Il miele era la scelta migliore all'epoca, e anche oggi sembra una scelta saggia.

Quindi, il signor Swift aveva ragione: i coloni avevano bisogno delle api per la dolcezza e la luce. Ma la terza ragione comunemente elencata non ha senso. I coloni non portarono le api da miele nel Nuovo Mondo per l'impollinazione. Neanche per sogno, come vedremo.

Lavorare al buio

Non molto tempo fa, le informazioni sulle ricerche in corso erano difficili da reperire. Gli scienziati sperimentavano, esaminavano i loro risultati e scrivevano documenti proprio come fanno oggi, ma le notizie viaggiavano lentamente. A volte i ricercatori venivano a conoscenza di altri che lavoravano nel loro campo e corrispondevano, ma molti individui lavoravano più o meno nel vuoto, con pochi input dal mondo esterno.

Alcuni dei principi scientifici che abbracciamo oggi non esistono da molto tempo. Charles Darwin pubblicò "L'origine delle specie" nel 1859, solo 162 anni fa. Contemporaneamente, Gregor Mendel, noto come il fondatore della genetica, pubblicò "Esperimenti sull'ibridazione delle piante" nel 1866. Sebbene questi due grandi pensatori abbiano lavorato contemporaneamente su aspetti diversi dello stesso problema, Darwin non era a conoscenza del lavoro di Mendel e i due uomini non hanno mai comunicato.5 È divertente immaginare come qualche rapida e-mail tra questi due avrebbe potuto accelerare le nostre conoscenze biologiche.

L'apicoltore Arthur Dobbs

Cento anni prima di Darwin e Mendel, un altro scienziato si occupava di documentare la natura scoiattolosa. Sua Eccellenza Arthur Dobbs ha vissuto la maggior parte della sua vita in un castello sull'acqua nell'Irlanda del Nord, dove era membro del Parlamento irlandese. Era un figlio di reali che non desiderava nulla e trascorse la sua giovinezza a Castle Dobbs, dove i suoi genitori intrattenevano importanti personalità britanniche, tra cui l'ecclesiastico Jonathon Swift.

Durante il suo mandato in Parlamento, Dobbs acquistò un piccolo pezzo di terra nelle Americhe - circa 400.000 acri nella Carolina del Nord - e alla fine divenne il settimo governatore di quella colonia reale.

Dobbs era un uomo dai molti talenti. Oltre a un interesse costante per la natura, si dedicò a studi di meteorologia, astronomia, religione, botanica, agricoltura e commercio. Era anche pieno di energia. Appena dopo il suo 73° compleanno, sposò la quindicenne Justina Davis, la sua seconda moglie.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI