Passa al contenuto

50% SCONTI + Spedizione Espressa Gratuita in 24-48 ore.

PAGAMENTO GRATUITO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

GIOIELLI CON UNO SCOPO PROFONDO 🎁⚡

Hai bisogno di aiuto?

Come respingere 7 spietati animali che si nutrono di api da miele

Come respingere 7 spietati animali che si nutrono di api da miele

Gli apicoltori che si concentrano su vespe, uccelli e insetti invasori a volte dimenticano i predatori a quattro zampe. Ecco una carrellata degli animali pelosi più comuni che si nutrono di api da miele.

Un solo orso può distruggere un intero apiario
Danni da orsi: A parte i vandali umani, i visitatori animali più distruttivi sono gli orsi. Gli orsi sono grandi, forti e determinati. E hanno una memoria di ferro che memorizza le coordinate dell'alveare per i futuri banchetti.

Gli orsi sono letali per gli apiari perché mangiano covata e miele. Ma non è tutto. Inoltre, distruggono le arnie, i telai, i supporti, i coperchi e tutto ciò che si frappone tra loro e le prelibatezze.

Cosa si può fare: Naturalmente non tutti hanno problemi con gli orsi, ma se vivete nelle loro vicinanze, un po' di pianificazione può essere utile. La maggior parte degli apicoltori opta per un qualche tipo di recinzione elettrica, sebbene anche le migliori abbiano i loro limiti.

Consultate gli apicoltori della vostra zona per sapere quale sistema funziona e come installarlo. Alcuni amano lanciare esche agli orsi con della pancetta avvolta sui fili elettrici, sperando che uno scoraggiante zap in bocca li faccia allontanare. Altri usano rumori, luci o telecamere per tenere d'occhio gli orsi che passano di lì.

Se il vostro apiario viene distrutto dagli orsi, di solito è una buona idea trovare una nuova collocazione. Un orso ricontrolla ogni buon pasto, a volte anche per anni.

I tassi americani fanno razzia di alveari per api e miele
Danni causati dai tassi: I tassi americani sono animali carnivori di grandi dimensioni che scavano nelle tane degli animali che vivono al suolo, come topi, scoiattoli e marmotte. Tuttavia, fanno un'eccezione per le api e il miele.

I tassi sono abbastanza grandi e pesanti da rovesciare un alveare e a volte si possono vedere segni di artigli intorno alle aperture. Poiché non vanno in letargo, cacciano attivamente tutto l'anno.

Se un tasso getta l'arnia o ne rimuove il coperchio, può rubare favi pieni di api per uno spuntino veloce. Non vanno in letargo, ma rimangono attivi per tutto l'inverno. Con un peso che va dai 10 ai 24 chili, possono avere un grande appetito in una fredda giornata invernale.

Cosa si può fare: Uno dei migliori deterrenti per i tassi è un laccio a cricchetto. Legatelo da cima a fondo intorno all'arnia per tenere il coperchio in posizione e le cassette insieme. Se possibile, fissate l'alveare a un supporto robusto con basi in cemento.

I procioni sono intelligenti e con dita agili
Danni causati dai procioni: I procioni sono creature grandi, intelligenti e con le dita agili, capaci di gettare il coperchio di un alveare solo per vederne l'interno. I procioni non sono grandi distruttori come gli orsi. Mangiano il miele se riescono a procurarselo e si divertono a fare uno spuntino con le api.

Anche se i procioni non causano molti danni agli alveari, la loro innata curiosità causa altri problemi. Ad esempio, se rimuovono un coperchio, espongono la colonia alle intemperie. La colonia perde il suo calore e diventa vulnerabile ad altri predatori. Anche il rumore persistente del raschiare e dello sfregare può disturbare la colonia.

Cosa si può fare: A me piace tenere insieme le mie arnie con dei legacci legati intorno all'intera struttura. Molte persone preferiscono usare oggetti pesanti in cima, come rocce o mattoni, ma un grosso procione può spesso spingerli da parte. Indipendentemente dalle vostre preferenze, qualcosa che tenga fermo il coperchio di solito scoraggia i procioni.

Gli opossum mangiano le api all'ingresso dell'alveare
Danni causati dagli opossum: Sebbene abbiano abitudini simili, gli opossum non sono grandi o abili come i procioni. Di notte, gli opossum possono strisciare sugli alveari, ma non sono abili nel rimuovere i coperchi. Spesso li trovo a mangiare api morte dal terreno alla base dell'alveare (vedi foto sopra), ma non ne ho mai visto uno aprire o danneggiare un alveare.

Tuttavia, possono disturbare le api con la loro presenza. Se infastidiscono abbastanza la colonia, le api escono dal foro d'ingresso per vedere cosa succede. Una volta uscite, l'opossum si alza sulle zampe posteriori e lecca le api dal pianerottolo. Un vero piacere per il pancino.

Cosa si può fare: Una soluzione consiste nell'utilizzare un supporto per alveari alto almeno 18 pollici, in modo da rendere le api più difficili da raggiungere. Alcuni apicoltori spostano l'ingresso più in alto nell'arnia, magari sopra le cassette di covata.

In alternativa, è possibile utilizzare una trappola Havahart per catturare le creature e spostarle altrove.

Le puzzole amano graffiare di notte
Danni causati dalle puzzole: Come molti piccoli mammiferi, le puzzole si nutrono di insetti. Invece di mangiare l'ape intera, ne succhiano il succo dall'interno e buttano il resto. Si può pensare che sia come mangiare un gamberetto: si mangia la parte saporita e si lascia il guscio.

Le puzzole sono famose per lasciare segni di graffi intorno all'ingresso dell'alveare. Scalpitano sulla superficie, producendo rumori che inducono le api a indagare. Una volta uscite, la puzzola le scarnifica, una alla volta. Se si esamina il terreno intorno a un ingresso graffiato, spesso si possono trovare cumuli di corpi d'ape vuoti.

Cosa si può fare: Per le puzzole, le trappole Havahart non sono l'idea migliore. Funzionano bene, ma ci sono delle conseguenze nel mettere una puzzola nel vostro bagagliaio. Un'alternativa migliore è quella di respingere le puzzole.

Spesso, elevare l'alveare o l'ingresso dell'alveare funziona per le puzzole proprio come per gli opossum. Allungarsi per raggiungere il foro d'ingresso espone il tenero ventre della puzzola all'ira delle api pungenti, che presto si arrendono.

Tuttavia, alcuni apicoltori preferiscono utilizzare una tavola di chiodi nella parte anteriore dell'alveare. Per realizzarla, bisogna piantare più chiodi in un pezzo di compensato largo almeno quanto l'arnia. I chiodi devono penetrare fino in fondo e uscire dall'altro lato. Quando si posiziona la tavola di legno davanti all'alveare, le puzzole non hanno più un posto comodo dove stare e si spostano.

Alcuni apicoltori usano filo di ferro o rete per pollame per recintare un alveare infestato dalle puzzole. Questo funziona perché le puzzole non possono arrampicarsi. Altre creature, tuttavia, non sono scoraggiate dalla rete.

I topi non mangiano le api, ma possono affamare una colonia
Danni causati dai topi: I topi si introducono nell'alveare all'inizio dell'autunno, il che dà loro tutto il tempo di costruire un nido accogliente per l'inverno. Di solito i topi passano attraverso l'ingresso principale, senza curarsi delle orde di api. Li ho visti anche entrare attraverso i buchi di un pannello inferiore schermato, quindi assicuratevi di mantenere in buone condizioni gli schermi che avete.

Ricordate che lo scheletro dei topi è estremamente flessibile. Sono famosi per piegarsi in spazi che a noi sembrano troppo piccoli. Il più piccolo foro del vostro riduttore d'ingresso è uno spazio sufficiente per un topo.

I topi costruiscono i nidi con tutto ciò che è disponibile. Nella mia zona usano il muschio che inseriscono in un grande foro praticato nei pettini di cera. A volte il nido completato si estende su tre o più telai.

I topi che fanno il nido non uccidono del tutto le api, ma possono far morire di fame l'intera colonia. I topi sgranocchiano le scorte di polline e i favi di miele per il loro sostentamento invernale. A volte il primo segno della presenza di topi è il miele che fuoriesce dall'ingresso o che gocciola sulla tavola di fondo.

Un altro indizio della presenza di topi è la presenza di detriti inspiegabili sulla tavola di fondo. I topi potrebbero lasciare cadere pezzi di favo di cera, materiale di nidificazione e materiale fecale. Se si sospetta la presenza di topi, è bene annusare: l'odore dell'urina di topo può diventare opprimente all'interno di un alveare. Se disponete di una telecamera a infrarossi, come un FLIR, a volte potete vedere l'esatta posizione del nido.

Cosa si può fare: Per scoraggiare i topi, installate una protezione per topi. Si tratta di riduttori d'ingresso in metallo con piccoli fori praticati all'interno. I fori non sono molto più grandi di quelli di un'ape e, essendo rotondi e non rettangolari, i topi non riescono a passare.

L'aspetto principale delle protezioni per topi è quello di installarle abbastanza presto in autunno. Spesso gli apicoltori aspettano che il nido sia già stato creato.

I toporagni si nutrono delle parti interne morbide di un'ape
Danni causati dai toporagni: I toporagni sono creature simili a topi che si nutrono direttamente di api. A loro piace staccare a morsi la testa dell'ape e poi succhiare le interiora dal torace dell'ape. Una volta finito, scartano l'esoscheletro come un bicchiere di carta usato.

I toporagni strappano le api una alla volta dall'esterno di un gruppo di api, dove le api sono fredde e pigre. Portano la preda in un luogo sicuro, staccano la testa e banchettano. I toporagni hanno un metabolismo veloce e mangiano spesso per mantenersi caldi.

Cosa si può fare: I toporagni non vivono in un alveare, ma vanno e vengono liberamente perché sono così piccoli. Hanno bisogno di un'apertura di appena 1 cm, quindi una normale protezione per topi non li rallenterà.

Alcuni apicoltori usano un telo da ferramenta da un quarto di pollice per tenerli fuori, ma una rete così piccola fa cadere il polline dalle zampe delle api da miele e non permette ai fuchi (o alla regina) di andare e venire. È possibile utilizzare reti così piccole solo quando le api non volano.

Altri animali che si nutrono di api mellifere
Oltre agli animali sopra elencati, anche altri si nutrono di api da miele. Alcuni apicoltori sospettano che donnole, arvicole e persino leoni di montagna possano occasionalmente mangiare le api da miele o la loro covata. La scelta di un animale ha molto a che fare con la sua fame.

Ricordate però che molti apicoltori passano decenni senza incontrare nessuno di questi predatori, quindi non preoccupatevi troppo. Più a lungo si allevano le api, più si capirà quali animali divoratori di api possono sorvegliare i propri alveari.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 14 GIORNI