Passa al contenuto

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

GIOIELLI CON UNO SCOPO PROFONDO 🎁⚡

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

MEGA VENDITA DI NATALE: 50 SCONTI + Spedizione Espressa Gratuita in 24-48 ore.

SPENDERE DI PIÙ, RISPARMIARE DI PIÙ 🎁

Hai bisogno di aiuto?

Come aumentare la ventilazione dell'alveare per ottenere grandi raccolti di miele

Come aumentare la ventilazione dell'alveare per ottenere grandi raccolti di miele

La migliore ventilazione produce i maggiori raccolti di miele. Perché? Perché è più facile per le api far evaporare l'acqua in eccesso dal nettare quando l'umidità è bassa. Una buona ventilazione elimina l'umidità in eccesso dell'alveare, consentendo al miele di rapprendersi rapidamente e facilmente.

L'aumento della ventilazione negli alveari è controverso, ma non dovrebbe esserlo. Come qualsiasi altro strumento apistico, a volte è necessario e a volte no.

C'è chi è entusiasta della ventilazione supplementare e chi invece pensa che faccia male alle api raffreddandole. È sorprendente che spesso si dica: "Non ventiliamo le nostre case, quindi perché dovremmo farlo con le api?".

Si tratta di una triste ingenuità. Nei tempi moderni, una casa senza un'adeguata ventilazione non riceve il certificato di occupazione. Per le case residenziali, l'ASHRAE raccomanda di aggiungere 15 piedi cubi di aria esterna per persona al minuto. E gli edifici pubblici devono sostituire l'aria interna a una velocità incredibile, tanto da rendere difficile il rispetto delle linee guida sul risparmio energetico.

Perché le nostre case sono simili agli alveari delle api

L'aria in una casa moderna è sempre in movimento. Per esempio, oggi abbiamo ventilatori di scarico a bizzeffe. Espelliamo l'aria di scarico dalla soffitta, dalle docce e dai bagni. Abbiamo ventilatori di scarico incorporati nei caminetti e sopra i fornelli e le asciugatrici. Tutta l'aria espulsa deve essere immediatamente sostituita dall'aria esterna per evitare correnti d'aria di ritorno o l'aspirazione di aria da una cantina o da un garage ammuffiti.

Le strutture più vecchie non avevano un problema di ricambio d'aria così grande, perché perdevano aria intorno alle finestre, attraverso le pareti e le finestre e lungo i battiscopa. Anche oggi ci sono perdite intorno a ogni porta e finestra, a ogni presa elettrica, a ogni apparecchio di illuminazione e a ogni connessione di condotti. Tuttavia, i materiali da costruzione e l'isolamento di oggi sono così buoni che abbiamo bisogno di aggiungere aria esterna di proposito. E lo facciamo.

Sebbene le nostre case abbiano per lo più finestre apribili e porte multiple che favoriscono la ventilazione, molti grattacieli hanno poche finestre apribili e non molte porte per ogni persona che utilizza lo spazio. Al contrario, hanno enormi ventilatori che pompano aria fresca negli edifici notte e giorno.

Le api e gli esseri umani hanno esigenze simili

Si potrebbe pensare che un alveare non abbia ventole, ma è così. In effetti, l'intera colonia si comporta come una gigantesca ventola, facendo circolare l'aria in tutto l'alveare, immettendo aria nuova ed espellendo quella vecchia.

L'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente (EPA) afferma che gli esseri umani hanno bisogno di aria fresca per abbassare i livelli di inquinanti interni, odori, umidità, temperatura e organismi patogeni. Lo stesso vale per le colonie di api. Un alveare adeguatamente ventilato avrà meno accumulo di umidità, meno inquinanti, meno organismi patogeni, meno umidità e meno muffa. Purtroppo, tutto questo comporta una certa perdita di calore.

Ma con un'adeguata scorta di miele, le api sane che vivono in un alveare pulito possono stare al caldo, indipendentemente dalla moderata perdita di calore. Per aiutare le api a liberare la loro casa dalle sostanze nocive, gli apicoltori devono prevedere dei modi per far uscire l'aria contaminata dall'alveare e far entrare quella pulita.

Come circola l'aria in un alveare

L'aria in un alveare circola naturalmente. Gran parte dell'aria entra attraverso l'ingresso dell'arnia o attraverso il pannello inferiore schermato, se ne avete uno. Una parte dell'aria fuoriesce anche dalle fessure tra le cassette o dalle giunture del legno.

All'interno, le api emettono calore e umidità proprio come noi. L'aria che circonda le api si riscalda grazie al corpo e alla respirazione delle api e sale verso la parte superiore dell'alveare. Questo non è diverso dall'aria calda della casa che sale verso il soffitto o i piani superiori.

Se si prevede un'apertura verso l'esterno vicino alla parte superiore dell'alveare, quest'aria calda uscirà, portando con sé l'umidità in eccesso e le sostanze inquinanti. Quando l'aria viziata esce, l'aria fresca (aria di reintegro) entra nell'arnia dalla parte inferiore.

Questa circolazione avviene costantemente, anche se il tasso di scambio varia in base alla temperatura esterna, al numero di api e a fattori come il vento e l'umidità. Quando le api aprono attivamente le ali per asciugare il miele, l'aria si muove ancora più velocemente.

Di quanta ventilazione ha bisogno un'arnia?

Ogni colonia è diversa, quindi la quantità di ventilazione necessaria dipende dal tipo di arnia, dal clima, dalle condizioni locali, dalla popolazione di alveari e dall'esposizione al sole. All'inizio può essere un problema, ma con l'esperienza scoprirete cosa è necessario per la vostra colonia.

In generale, la ventilazione è minore nelle zone secche, dove l'eccessivo accumulo di umidità non è un problema. Le zone desertiche e quelle con venti secchi raramente hanno problemi di muffa o di api bagnate, ma nelle zone piovose il controllo dell'umidità e della muffa può essere un lavoro a tempo pieno.

Il troppo caldo è un male

Tendiamo ad ossessionare le api con il freddo, ma il calore eccessivo è altrettanto dannoso. Se un alveare è troppo caldo, può danneggiare la covata in via di sviluppo, sciogliere i favi di cera d'api e rendere letargiche le operaie.

Inoltre, poiché l'aria calda può contenere molta umidità, le api devono lavorare ancora di più per far evaporare l'acqua dal nettare. Tutto questo duro lavoro genera ancora più calore, rendendo tutto più difficile. Aumentando la ventilazione dell'alveare, riduciamo il carico di lavoro delle api.

14 modi semplici per aumentare la ventilazione dell'alveare

È molto facile aumentare la ventilazione di un alveare. Di seguito sono riportate alcune tecniche collaudate che possono essere utilizzate singolarmente o in combinazione, a seconda del flusso d'aria desiderato.

  • Riduttore d'ingresso: Durante l'alta stagione apistica, quando un gran numero di api va e viene, è possibile utilizzare l'apertura più grande del riduttore d'ingresso o rimuoverlo completamente. In questo modo si aumenterà la ventilazione dell'alveare e si ridurrà la congestione.
  • Tavola inferiore schermata: I pannelli inferiori schermati permettono all'aria di entrare nell'arnia da sotto le cassette di covata.
  • Cassetto varroa: Se avete un cassetto per la varroa (un vassoio di legno, metallo o plastica ondulata sotto il pannello inferiore schermato), potete rimuoverlo fino a quando non sarete pronti a fare la conta degli acari.
  • Le rastrelliere a doghe possono essere collocate tra il pannello inferiore e la cassetta di covata più bassa. Le rastrelliere a doghe garantiscono un maggiore flusso d'aria, alleviando la congestione in prossimità dell'apertura dell'alveare. Si possono lasciare tutto l'anno, con o senza pannello inferiore schermato.
  • Pannello Vivaldi: Un pannello Vivaldi consente di aumentare il flusso d'aria e di controllare l'umidità. Va posizionato sopra le cassette dell'alveare.
  • Tetto a capanna ventilato: Questi tetti sono dotati di fori all'estremità, proprio come i nostri sottotetti.
  • Entrate superiori: Si possono praticare dei fori nelle cassette di covata e nei cassoni. Gli ingressi superiori alleviano la congestione all'ingresso e aumentano il flusso d'aria nell'arnia. Se non volete che le api le usino come ingresso, potete schermarle dall'interno. In inverno, potete chiuderli con un semplice tappo di legno o di plastica.
  • Supporto dell'alveare rialzato: Tenere l'arnia su un supporto anziché a terra migliora il flusso d'aria.
  • Spessori Imirie: Gli spessori Imirie sono dotati di un'entrata intagliata. Questi spessori si inseriscono tra due cassette per le api per fornire un'entrata supplementare e una ventilazione. Se non volete che le api le usino per andare e venire, potete facilmente schermare gli ingressi.
  • Coperchio interno schermato: Un semplice coperchio interno schermato è la mia risposta preferita alla ventilazione estiva. Permette inoltre di guardare in basso nell'arnia senza che le api escano a cercarvi.
  • Coperchio di ventilazione: il coperchio di ventilazione è un'arnia poco profonda in cui sono stati praticati fori di ventilazione schermati. Potete aggiungere tutti i fori che volete e posizionarlo sopra le cassette dell'alveare e sotto il coperchio.
  • Tavolette di sostegno: Le tavole di sostegno offrono alle api un posto dove riunirsi all'interno dell'arnia. Costringono le api a utilizzare più spazio verticale per il nido di covata, perché lasciano solo otto telaini utilizzabili in una cassetta da dieci telaini. Questa struttura dell'arnia, alta e sottile, ha una forma più arborea e fornisce un "effetto camino" che tira l'aria verso l'alto attraverso l'arnia.
  • Coperchio interno: Se utilizzate un coperchio interno, assicuratevi di utilizzare il tipo con un foro al centro e una tacca a un'estremità. Il foro in alto fa entrare l'aria calda e umida nella parte superiore dell'arnia, mentre l'intaglio ne permette la fuoriuscita verso l'esterno.
  • Ombra: se vi trovate in un clima caldo, fate assolutamente ombra alle vostre api, soprattutto nelle ore più calde della giornata. La temperatura all'ombra può essere drasticamente più fresca rispetto a quella del sole, offrendo alle api un ambiente migliore per la ventilazione del nettare immagazzinato.

Bilanciare un problema rispetto a un altro quando si aumenta la ventilazione dell'alveare

Quando si aggiunge la ventilazione, bisogna tenere presente gli aspetti negativi di qualsiasi operazione. Ad esempio, aperture ampie ma non schermate potrebbero favorire il furto da parte di api o vespe.

Ricordate anche che se vivete in una zona soggetta a piogge ventose, potreste dover proteggere le aperture superiori dall'acqua piovana.

Tenete presente che molte di queste soluzioni di ventilazione sono più adatte alla stagione calda. Potrebbe essere necessario sigillarle o rimuoverle completamente prima che il clima diventi freddo.

 

 

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI