Passa al contenuto

GIOIELLI CON UNO SCOPO PROFONDO 🎁⚡

50% SCONTI + Spedizione Espressa Gratuita in 24-48 ore.

PAGAMENTO GRATUITO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

Hai bisogno di aiuto?

Apicoltori: ecco il motivo per cui assaggiare il vostro miele oggi

Apicoltori: ecco il motivo per cui assaggiare il vostro miele oggi
I due tipi di nuovi apicoltori
Vedo due tipi di apicoltori al primo anno: quelli che raccolgono tutto e quelli che non raccolgono nulla. Ogni gruppo non può capire l'altro.

La raccolta eccessiva può essere fatale. Quando le colonie non hanno abbastanza cibo, possono morire di fame o di freddo. Ma non è solo una questione di quantità. Le api possono indebolirsi e soffrire di carenze nutritive se si affidano esclusivamente allo sciroppo di zucchero per lunghi periodi. E l'assenza di miele vero può persino alterare i microbi intestinali che mantengono le api in salute.

Abbiamo ancora molto da imparare sulla complessa scienza dell'alimentazione delle api. Ma una cosa è certa: il miele e il polline svolgono un ruolo fondamentale nella dieta evolutiva delle api. Questi alimenti naturali le mantengono in salute.

Visti i rischi di una rimozione eccessiva del miele, perché ritengo che gli apicoltori debbano assaggiare il miele il prima possibile? Anche questo è complesso. E non si tratta nemmeno di api: si tratta della psicologia dell'apicoltore.

Argomenti familiari da entrambe le parti
Coloro che raccolgono in eccesso citano spesso ragioni finanziarie. Hanno investito tonnellate di denaro nel loro progetto apistico e devono recuperarlo subito. Forse non si rendono conto che lasciare che le colonie si stabiliscano può portare a una maggiore produzione di miele in seguito.

La solita scusa è che le loro api hanno prodotto così tanto miele il primo anno che non hanno avuto altra scelta che raccoglierlo. Sono sicuro che questo accade di tanto in tanto. Ma più spesso queste persone finiscono per avere bisogno di somministrare sciroppo di zucchero durante la carestia invernale, cosa che io vedo come un segno di eccessiva produzione. Ma questa è una discussione per un'altra volta. Oggi voglio parlare dei sotto-raccoglitori.

Incontro i sotto-raccoglitori che non assaggiano mai il loro miele
Incontro i sotto-raccoglitori (sotto-raccoglitori?) almeno altrettanto spesso dei sovra-raccoglitori. Queste persone si scompongono quando propongo loro di assaggiare il loro miele. "No!", dicono. "Il mio mentore mi ha detto che non devo estrarre nel primo anno! Mai! Non voglio uccidere le mie api!".

Ma chi ha parlato di estrazione? Io ho detto: "Assaggia il tuo miele". Molto diverso. Ma il punto è questo: non riesco a convincere queste persone ad assaggiare il loro miele più di quanto riesca a convincere gli altri a ritardare la raccolta. Quindi ci riprovo.

Perché credo che oggi dobbiate assaggiare il vostro miele
Vorrei iniziare spiegando che nulla al mondo è più sublime del miele caldo dell'alveare. Quando non c'è nulla che si frappone tra voi e quel miele - nessun utensile, nessun tempo, nessuna distanza dalle api - sperimenterete la pura beatitudine.

Sì, è un sapore di freschezza e di sole che poche persone potranno mai provare, ma è molto di più. I sapori floreali si combinano con l'aroma dell'alveare e il calore paludoso dei corpi delle api. Il tutto è esaltato dallo zefiro delle api sul viso, dal fruscio delle ali e dalla paura un po' stridente di essere punti. Nel complesso, si tratta di un'esposizione unica nella vita.

Non è possibile replicare questa esperienza con un barattolo di miele estratto. Non si può riprodurre la sensazione all'interno della propria casa o a quindici metri dall'alveare. No, l'immersione totale avviene proprio lì, a Stingsville. Questo non è negoziabile: dovete assolutamente provarlo.

Come? La prossima volta che ispezionate un alveare e accidentalmente aprite qualche cella, infilate un dito nel pasticcio appiccicoso e leccatelo. Se raschiando il favo di bava si ottiene una perdita, fatelo. Se separando due cassette di covata si verifica un gocciolamento, è bene farlo in fretta. La "raccolta" non fa parte di questo processo. Si tratta piuttosto di un foraggiamento opportunistico, come quello che fa il mio cane quando trova una carcassa profumata.

Non tenere le api a distanza
Ho conosciuto molti apicoltori che, pur rifiutando anche il più piccolo assaggio, hanno perso tutte le loro api e tutto il loro miele durante il primo inverno. Molti di loro si arrendono, entrando a far parte di quell'80% che abbandona nei primi due anni.

Naturalmente, anche chi assaggia il miele ha delle perdite. Ma quei momenti cari, quando la dolcezza calda e oleosa colpisce la lingua, li tratterranno dall'abbandonare. Gli assaggiatori (secondo il mio parere non ufficiale) sono più propensi a riprovare l'anno prossimo.

Il puro sovraccarico sensoriale costringerà gli assaggiatori a diventare apicoltori migliori, più informati e più istruiti. Leggeranno di più e studieranno di più. Alla fine, diventeranno apicoltori esperti. Perché? Perché sanno qual è la vera posta in gioco.

Il richiamo di quel campione piccante può attirarvi in una missione per fare tutto il possibile per le vostre api. Tutto.

Ecco perché credo che rubare un assaggio di miele all'inizio sia la cosa migliore che possiate fare per la salute a lungo termine delle vostre colonie. È il momento cruciale in cui si crea una partnership con le api per la produzione di miele e un legame indissolubile con la natura.

Quindi, fate pure. Fate un favore alle vostre api e rubate un assaggio del loro miele oggi stesso.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 14 GIORNI