Passa al contenuto

CONSEGNA ESPRESSA GRATUITA IN 24-48 ORE 🚀

PAGAMENTO ALLA CONSEGNA DISPONIBILE 💶

SALDI PER LE FESTIVITÀ IN DIRETTA 🌻🐝

Hai bisogno di aiuto?

Api e acqua: le signore bevono gratis

Api e acqua: le signore bevono gratis

Sebbene ci ricordiamo di annaffiare il prato, i cani e i cavalli, a volte dimentichiamo che anche le api hanno bisogno di acqua.

Chi non ama osservare un'ape da miele che beve, con la sua lingua complessa che esplora la superficie di una foglia o di una roccia bagnata? Gli apicoltori di tutto il mondo hanno progettato degli abbeveratoi dove le api possono rifugiarsi per rinfrescarsi nel pomeriggio. Alcuni di questi dispositivi sono piccoli e discreti, mentre altri sono opere d'arte che stupiscono per la loro originalità.

La vita sulla Terra dipende dall'acqua. Anche forme di vita marginali come i virus hanno bisogno di acqua, che possono dirottare da una cellula ospite. Esaminando le proprietà fisiche e chimiche dell'acqua, si capisce perché sia diventata il fulcro della vita. L'acqua è perfettamente strutturata per sciogliere molte sostanze chimiche, consentendo così il verificarsi di un numero incredibile di reazioni. E nella sua forma liquida, l'acqua può facilmente incanalare le molecole appena formate dove devono andare.

Sebbene non abbiamo problemi a ricordare di fornire acqua ai nostri animali domestici e al bestiame, qualcosa negli insetti ce lo fa dimenticare. Almeno temporaneamente. L'acqua potrebbe non venire mai in mente ai nostri apicoltori fino a quando i vicini non si lamentano delle api nel piatto del loro cane, nella piscina o sulla tubatura che hanno appena afferrato con risultati memorabili.

Come le api da miele utilizzano l'acqua

Un singolo insetto non ha bisogno di molta acqua, ma una colonia di sei api ne richiede una quantità notevole. E quando la colonia utilizza l'acqua per scopi diversi dal consumo diretto, il volume può essere sbalorditivo. Una colonia di api mellifere perfettamente funzionante ha un fabbisogno idrico straordinario. L'utilizzo varia in base alle attività stagionali, ai livelli di popolazione, alla temperatura dell'aria e all'umidità.

È necessario un apporto continuo per le funzioni vitali di base, come la digestione, la circolazione, la distribuzione dei nutrienti, l'eliminazione dei rifiuti, la termoregolazione e l'omeostasi interna. Inoltre, una colonia utilizza l'acqua per allevare i suoi piccoli e mantenere uno spazio vivibile. Ad esempio, le api usano l'acqua per diluire il miele o lo zucchero in modo che possa essere facilmente consumato dalle larve. Le api nutrici che producono attivamente pappa reale hanno bisogno di acqua per mantenere le loro secrezioni ghiandolari. L'acqua mantiene inoltre il nido di covata sufficientemente umido per evitare il disseccamento delle larve e sufficientemente fresco per evitare la morte delle api e la caduta del favo.

Fabbisogno idrico nelle colonie di api

La quantità effettiva di acqua utilizzata dai singoli individui o da un'intera colonia è difficile da calcolare a causa di tutte le variabili. Ad esempio, il nettare è una fonte primaria di acqua, ma la quantità di acqua varia a seconda della fonte. I nettari ad alto contenuto di zucchero forniscono meno acqua di quelli a basso contenuto di zucchero, ma quelli a basso contenuto di zucchero vengono raccolti meno frequentemente.

Le api da miele possono assorbire un po' d'acqua dal nettare mentre lo trasportano e lo elaborano, ma quanto è difficile dirlo. Poiché è così oneroso da misurare, l'acqua del nettare non viene generalmente calcolata nelle stime di utilizzo.

Un altro aspetto confuso è l'utilizzo dell'acqua nelle colonie che svernano. Le api da miele spesso riciclano l'acqua consumando la condensa all'interno dell'alveare. Parte di questo accumulo può provenire dall'aria esterna, parte dalla respirazione delle api e parte dal mangime liquido o dal miele. Anche la pioggia e la neve, che fuoriescono dalle fessure e dalle aperture, possono contribuire all'accumulo.

Nonostante le difficoltà, alcuni ricercatori hanno calcolato le stime di utilizzo. Secondo un documento molto diffuso, una colonia normale ha bisogno di circa 44 libbre all'anno - circa 5,3 galloni - da aggiungere a ciò che le api estraggono dal nettare1.

Quando è sufficiente

Le api domestiche regolano la quantità di acqua che le bottinatrici portano con sé. Se un'ape domestica si rifiuta di scaricare una portatrice d'acqua, o lo fa troppo lentamente, la portatrice smetterà di raccoglierla. D'altra parte, se l'acqua viene scaricata rapidamente, la bottinatrice andrà a prendere un altro carico. È una semplice questione di domanda e offerta: molta offerta significa poca domanda e viceversa.2

I portatori d'acqua di solito disperdono il loro carico a molte api domestiche. Parte dell'acqua può essere assorbita dalle operaie assetate o condivisa secondo le necessità. Se l'interno dell'alveare diventa troppo caldo, le operaie spargono l'acqua sulle celle coperte o sui bordi delle celle aperte, dove può essere utilizzata per raffreddare l'alveare.

Raffreddamento evaporativo

La quantità di raffreddamento necessaria all'interno di un alveare varia drasticamente a seconda del clima, delle dimensioni della colonia e dell'esposizione al sole. Tuttavia, gli esperimenti hanno dimostrato che le api mellifere sono maghe nel mantenere le temperature corrette all'interno dell'alveare, purché abbiano una fonte costante di acqua per il raffreddamento evaporativo.

I raffreddatori di palude e i condizionatori d'aria sfruttano il principio del raffreddamento per evaporazione, ma le api da miele l'avevano capito molto prima che l'idea passasse per la testa dell'uomo. Per un rapido ripasso su cosa sia il raffreddamento per evaporazione, immaginate di uscire da una doccia calda e di entrare in una stanza fredda. Brrr! Anche se il bagno è caldo secondo il termometro, in pochi secondi si sentono battere i denti.3

Le molecole d'acqua si muovono più velocemente quando si scaldano. Le molecole di un cubetto di ghiaccio sono praticamente bloccate, mentre quelle dell'acqua si muovono liberamente, ma quelle del vapore acqueo ballano e girano all'impazzata. Il calore è l'elemento motivante, l'energia che fa muovere le molecole.

In una goccia d'acqua, le molecole con sufficiente calore sono quelle che sfuggono all'atmosfera e diventano vapore, quello che appanna lo specchio del bagno. Quindi, quando si espone il corpo bagnato all'aria, le molecole più calde se ne vanno per prime. Ma quando se ne vanno, portano con sé il loro calore, il che significa che la temperatura media dell'acqua rimanente precipita, facendovi rabbrividire.

Ora il corpo è più caldo della pelle. Per raggiungere l'equilibrio, il calore lascia il corpo e si trasferisce nelle gocce fredde, una perdita che fa sentire ancora più freddo. Che cosa fate allora? Tra un brivido e l'altro, si prende un asciugamano e ci si asciuga. Senza più gocce da far evaporare, ci si sente presto di nuovo normali. L'intero processo è davvero molto piacevole.

Raffreddamento nell'alveare

Per raffreddare l'interno dell'alveare, le api spargono acqua sui favi o attaccano gocce d'acqua ai telai. Poi si aprono a ventaglio. Il ventaglio accelera l'evaporazione e, poiché l'evaporazione porta via prima le molecole più calde, l'intero alveare si raffredda. La ventilazione aumenta anche l'umidità, necessaria per mantenere le larve idratate. Quando l'acqua è finita, le api ne aggiungono altra e continuano il processo.

In condizioni di "emergenza", quando le alte temperature rischiano di sciogliere i favi o di uccidere la covata, le api operaie scaricano i portatori d'acqua prima di quelli di nettare o polline. Le api da miele sono abili nel raffreddamento, quindi le colonie collocate in ambienti molto caldi possono mantenere i loro alveari freschi in modo affidabile, purché abbiano una fornitura costante di acqua.

Tuttavia, i problemi possono verificarsi quando le api sono a corto di acqua. I camion carichi di api esposti all'aria secca dell'autostrada o le regine chiuse nelle gabbie di spedizione possono facilmente rimanere a secco. Ogni volta che si trasportano le api, la fornitura di acqua è il primo compito.

Come fanno le api a trovare l'acqua?

Sebbene la vista delle api mellifere sia straordinaria per trovare i fiori, percorrere lunghe distanze e sfuggire ai predatori, è meno efficace per trovare l'acqua. Recenti ricerche dimostrano che le api mellifere che bottinano rispondono più al contrasto tra i colori che ai colori stessi. Secondo Adrian Horridge, specialista della visione degli insetti, "le api individuano e misurano la quantità di blu nelle aree e, separatamente, la quantità di verde di contrasto ai bordi e l'angolo tra di essi "4.

Poiché le fonti d'acqua possono essere di qualsiasi colore in base a ciò che si trova sotto di esse e poiché spesso non hanno bordi contrastanti, è probabile che la ricerca visiva dell'acqua non sia efficace per le api. Le api utilizzano invece l'olfatto. I recettori degli odori, in particolare quelli nelle zampe e nelle antenne, analizzano l'ambiente in cerca di qualcosa da bere.

Spesso la scelta dell'acqua da parte delle api è poco attraente per noi. Il bordo di un vaso di fiori bagnato, una zona spugnosa del prato, un gocciolatore o uno schizzo di pipì di cane vanno benissimo. L'affinità delle api per l'acqua con "roba" dentro è probabilmente dovuta al suo profumo. L'infuso odoroso è ciò che le api percepiscono e che le attrae alla fonte.

Come vuole il mondo naturale, la zuppa che le api scelgono contiene spesso i minerali di cui hanno bisogno nella loro dieta, come fosforo, potassio e sale. Questi e altri micronutrienti possono mancare nelle varie fonti di polline e nettare che utilizzano. In un certo senso, un sorso di acqua sporca è come inseguire una pillola di vitamine con un sorso di tè: Tutte le sostanze nutritive mancanti scivolano giù per la botola senza ingerire nemmeno un cavoletto di Bruxelles.

Sorseggiare le alghe con una cannuccia

Sembra che niente attiri le api da miele come l'aroma delle alghe. Anche se l'acqua carica di alghe non è una cosa che gli esseri umani preferiscono, quando si esaminano i luoghi in cui le api amano sorseggiare, di solito si possono trovare le alghe nel mix.

Nei dintorni di casa mia, alle api piace l'infiltrazione che fuoriesce dai pendii della foresta. L'acqua si raccoglie in rivoli che disegnano pigri zigzag attraverso le strade di taglio, bagnando la polvere. Dove si incrocia con il sole, piccoli viticci di melma verde ondeggiano nei meandri dell'acqua o crescono in strati di muschio sulle pietre semisommerse. Questa bevanda calda color chartreuse è il cocktail preferito dalle api. Esse inseriscono semplicemente la loro cannuccia incorporata.

Gli strati viscidi prosperano sulle già citate prese d'acqua, sulle vasche per uccelli e sui vasi di fiori. Si trovano anche negli stagni per koi, nei piatti per animali domestici, negli abbeveratoi, nelle grondaie, nei blocchi per gli schizzi e nei cumuli di compost. L'acqua contenuta in questi attraenti baracchini potrebbe essere impossibile da vedere per un'ape che vola veloce, ma il loro acuto senso dell'olfatto compensa qualsiasi deficit della vista.

Il profumo come segnale

I ricercatori hanno scoperto che le api mellifere delle zone desertiche spesso segnalano le loro pozze d'acqua con il feromone di Nasonov, uno strumento che normalmente non viene utilizzato per segnalare cache di polline, nettare o resina.5 Poiché gli ambienti desertici non supportano molte alghe, le api mellifere potrebbero utilizzare il feromone di Nasonov per aiutare le loro consorelle a trovare una fonte d'acqua gratificante.

Altri profumi che sembrano attirare le api da miele verso l'acqua sono il cloro e il sale. Sia l'acqua clorata che quella salata delle piscine sono ottimi attrattori per le api, preferenze che probabilmente vengono apprese per associazione. Una volta che un'ape trova una piscina, può reclutare altre bottinatrici d'acqua condividendo un campione profumato. Molti apicoltori riferiscono che, una volta che le api si sono abituate all'odore del cloro, sorseggeranno persino il bucato sbiancato appeso a uno stendino.

Le piscine di acqua salata sono particolarmente attraenti. Anche se ci piace fingere che il sale sia un nemico, tutti gli animali ne hanno bisogno per sopravvivere. Non abbiate paura di aggiungere un pizzico di sale alla vostra fonte d'acqua, soprattutto se il sale non è abbondante nel vostro paesaggio. Alcuni apicoltori amano usare i sali minerali che vengono venduti nei negozi di animali come "rotelle per conigli". Potete schiacciarli con un martello e aggiungerne un po' alla vostra fonte d'acqua. Basta un pizzico per aggiungere una serie di minerali alla dieta delle api.6

Prima l'acqua, poi le api

Per gli apicoltori che vivono in un ambiente urbano o suburbano, la fornitura di acqua per le api deve essere una priorità. L'ideale sarebbe predisporre un sistema prima dell'arrivo delle prime api. Il motivo è semplice: Il vostro quartiere è probabilmente pieno di cose umide e viscide, e almeno uno dei proprietari di una piscina, di un piatto per cani o di un vaso di fiori non vorrà condividerlo con le api.

Purtroppo, il lasso di tempo che intercorre tra la creazione di un alveare e la prima lamentela dei vicini può essere costoso. Perché? Perché una volta che le api hanno scelto un comodo abbeveratoio, cambiare idea può essere difficile o addirittura impossibile. Ragionare con una sola ape può frustrare anche il migliore di noi, figuriamoci un'intera colonia. È molto più facile fornire l'acqua fin dall'inizio che tentare di riqualificare il tutto.

I portatori d'acqua

Le api che trasportano l'acqua fanno molti viaggi al giorno, quindi una fonte comoda massimizzerà l'efficienza. Anche se decine di libri di istruzioni raccomandano una "fonte pulita di acqua fresca", le vostre api potrebbero ignorare questo elemento. La maggior parte preferisce l'acqua che ha un odore verde o industriale.

Per evitare che le api cerchino l'acqua, progettate una fonte vicina a casa. Molte persone usano mangiatoie d'ingresso riempite d'acqua. È un ottimo punto di partenza perché è comodo per la colonia. Se però si prosciuga, le colonie si metteranno subito alla ricerca di alternative. Altri apicoltori preferiscono installare sistemi a goccia che permettono all'acqua di fuoriuscire in un giardino vicino. Alcuni preferiscono predisporre contenitori con sassolini, biglie, tappi di sughero o bastoncini galleggianti che offrono alle api un posto sicuro dove sedersi mentre bevono.

Tutti questi sistemi funzionano, a patto che si provveda prima che le api sviluppino cattive abitudini. Come per molti altri aspetti dell'apicoltura, non occorre molto tempo per allestire una stazione di abbeveraggio, ma il tempismo è tutto.

MATERIALI ECOLOGICI AL 100%

SALVARE INSIEME GLI IMPOLLINATORI

SPEDIZIONE ESPRESSA GRATUITA

GARANZIA DI RESO DI 30 GIORNI